Yoga e cancro: meno dolore e ansia per chi lo pratica

Molte sono le persone che praticano lo Yoga in modo costante e possono attestarne senza alcun dubbio gli elementi positivi che circondano questa disciplina in grado di ridurre in maniera efficace lo stress e la qualità della loro vita.

Yoga e cancro: meno dolore e ansia sarà tutto vero?

Su questo argomento sono state svolte molte ricerche da Università e Ospedali, ma per la prima volta un Medico Oncologo e Istruttore di Yoga, la dottoressa Lisa Mueller ci garantisce che gli effetti nei malati di cancro sono così evidenti che ogni paziente, dovrebbe essere incoraggiato a fare

In una intervista dichiara che alcuni dei principali miglioramenti riscontrati nei suoi pazienti includono una riduzione del dolore, in particolar modo quello causato dai nervi, più flessibilità e l’aumento del tono muscolare, un aumento della vitalità con casi meno ricorrenti di nausee mattutine e ansia.

La dottoressa Lisa Mueller continua rincarando la dose e garantendo che lo Yoga non necessita una pratica molto vigorosa per essere terapeutica, aggiunge infatti che esistono diverse forme praticabili con il minimo sforzo e che combinate con una respirazione corretta sono in grado di garantire vantaggi evidenti:

  • Goasana: migliora l’equilibrio
  • Sarvangasana: questa forma può essere utilizzata con il supporto di un muro per aiutare il corpo
  • Savasana: aiuta ad ottenere la calma interiore, fondamentale per combattere lo stress
  • Vrksasana: il vantaggio principale di questa forma è il fatto che può essere praticata con entrambi i piedi a terra se necessario.

Non tutti i pazienti possono prendere parti alle classi, ma secondo la Mueller anche solamente respirare in modo regolare durante il giorno con la stessa tecnica dello Yoga è in grado di garantire una parte di quegli stessi benefici. Respirare lentamente e regolarmente può aiutare a resettare la mente e il corpo.

Gli studi lo dimostrano, lo Yoga è terapeutico

Citando solo alcune delle più importante ricerche svolte sullo Yoga si prende in esame una ricerca del 2011 svolta dall’ University of Texas MD Anderson Cancer Center che dimostrò con successo che lo Yoga migliorò nettamente la qualità della vita di diverse donne sotto radioterapia per combattere il tumore al seno.

Gli effetti più evidenti ripetono alcuni di quelle già sopra elencati, con una maggiore vitalità, meno fatica, e una riduzione sostanziale dell’ormone cortisolo.

Una ricerca invece pubblicata da Cancer Nursing nel 2010, affermò che un corso di Yoga specializzato per pazienti un tempo affette di tumore al seno dettò le seguenti cifre:

  • il 94% affermò un miglioramento radicale nella propria salute
  • l’88 constatò che si sentivano meglio fisicamente
  • l’87% si sentì letteralmente più felice
  • L’80% notò una riduzione nei livelli di stress e ansia, con un ulteriore miglioramento nella bellezza del proprio corpo

Respirare fa la differenza

La respirazione è un componente fondamentale dello Yoga, l’aria pulita e sana è fondamentale per sfruttare al meglio il lato terapeutico di questa tecnica.

La dottoressa conclude il suo passaggio incoraggiando di praticare lo Yoga all’aria aperta quanto possibile e sottolinea nuovamente che alla base dello Yoga sta la concezione che lo “Yoga è per tutti” anche quando si è fermi in un letto d’ospedale imparare e praticare una corretta respirazione può darvi aiuto.

Fonte: http://www.naturopataonline.org/sport-e-benessere/yoga-e-meditazione/14774-yoga-e-cancro-chi-lo-pratica-ha-meno-dolore-e-ansia.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *